magneti
Home

I Campi Magnetici

La Terapia Magnetica

 

magneti

 

Non esisterebbe nessuna forma di vita vegetale o animale senza l’energia elettromagnetica. L’elettromagnetismo e la forza motrice di tutte le reazioni biochimiche: la vita assorbe e produce elettromagnetismo. Dov’è il confine tra l’elettromagnetismo buono e quello cattivo visto che sulla Terra arrivano tutte le frequenze? Scienziati di tutto il mondo si stanno confrontando e scontrando su questo, ma ancora non ne sono venuti a capo.

Molti malanni derivano da un cattivo assorbimento di magnetismo e/o elettromagnetismo, e da millenni l’uomo, soprattutto in Oriente, pratica la magnetoterapia per svariati problemi con notevoli successi. In Occidente questa pratica non è stata presa molto in considerazione per vari motivi, soprattutto perché si scontrava con un credo dei nostri medici: “Non può esistere trattamento terapeutico valido senza effetti collaterali”. Più buono è un farmaco più male farà da un’altra parte. Gli effetti del magnetismo sulla biologia sono abbastanza noti e certificati, ma la medicina ufficiale in Italia non considera la magnetoterapia in modo adeguato semplicemente perché non è chimica e non ha quasi nessuna controindicazione.

I grandi medici affermano che la maggioranza delle malattie deriva da una cattiva circolazione: ebbene, uno degli effetti benefici della magnetoterapia, scientificamente dimostrati, è proprio il miglioramento della circolazione sanguigna e linfatica. Già con queste premesse gli scetticismi di parte dovrebbero cadere e un qualsiasi uomo di cultura dovrebbe perlomeno incuriosirsi.

Il trattamento di magnetoterapia, secondo dati certi, dimostrati e inconfutabili da varie università e scienziati di tutto il mondo, è un antidolorifico, antinfiammatorio, antispastico e antistress; migliora la circolazione sanguigna, la circolazione linfatica, l’ossigenazione, la vascolarizzazione, il metabolismo cellulare, le prestazioni sportive anaerobiche-aerobiche; velocizza l’eliminazione dell’acido lattico; attiva le difese immunitarie; ed infine cura la sindrome depressiva stagionale. Per completezza va detto che ci sono molti altri effetti positivi ancora in fase di certificazione.

La magnetoterapia in campo stabile prevede il trattamento con magneti di media o grande intensità, con permanenze a contatto per riequilibrare il sistema neurovegetativo e le disfunzioni profonde generalizzate, oppure per parecchie ore come antidolorifico o antinfiammatorio. Questo sistema è un buon sostituto dell’agopuntura. Pregi: costo contenuto, nessuna controindicazione, trattamento naturale, ottima per il dolore locale (tunnel carpale, epicondilite, cervicalgia, lombosciatalgia, dito a scatto, cefalea).



Related posts